La località denominata Castel Martino si trova su di un poggio che domina Borgo Capanne, sul crinale tra la valle del Reno verso Pracchia e la valle in cui confluiscono Reno, Limentra di Sambuca e poi Rio Maggiore e Setta. La leggenda vuole che in questo luogo sorgesse, nel Medioevo, un castello, appartenente a Matilde di Canossa, e poi distrutto da Federico Barbarossa. Nelle carte storiche risalenti al Medioevo (ed anche in alcune più recenti, databili intorno al Cinquecento) il luogo viene indicato con una croce ed il toponimo Castel Martino; in tempi più recenti, sul luogo (uno sperone di roccia, dove si possono rinvenire anche alcuni massi squadrati che fanno pensare a resti di fortificazioni) è stata posta una balaustra ed eretta una moderna croce metallica; ancora alla metà del secolo XX vi si svolgeva tradizionalmente una processione, dalla strada comunale alla croce.
Oggi, dal poggio della croce, si può spaziare con la vista su di un panorama insolitamente ampio (e anche ciò depone a favore dell'antico utilizzo come fortificazione): (da sinistra a destra) il crinale sopra Gaggio Montano, in direzione Montese, con le sottostanti valli del Rio Maggiore, del Setta e del Reno; il crinale di Castel di Casio e in secondo piano il Montovolo ed il Monte Vigo; l'imbocco della valle del Limentra di Sambuca e in secondo piano il Monte Calvi e i versanti sovrastanti i bacini del Brasimone e di Suviana; infine il crinale tra Reno e Limentra, con l'abitato di Casette e il Poggio La Croce sovrastante la valle del Reno verso Pracchia.

Nella sezione Sentieri l'escursione a Castel Martino

Galleria di foto di una gita a Castel Martino

 


Home  |  Lustrola  |  Contrade  |  Dintorni  |  Ca' Nostra   |  Immagini
 © 2006 Associazione Lustrolese