Risalendo da Vedlùstra verso monte, seguendo l'antico sentiero lastricato che sale a stretti tornanti, si arriva ai Campi di Chiusa, estesa zona a monte di Lustrola e a ponente del paese stesso, da cui dista una mezzora abbondante di cammino a piedi. Un tempo tutta questa zona era coltivata; il ripido pendio era sistemato con "ciari" (terrazzamenti, tutt'ora visibili); i campi venivano concimati con letame portato sul luogo a spalla, utilizzando le "gorghe", e vi si producevano patate, orzo, avena, grano e marzolo. Attualmente su parte di questi campi, detti anche Campetti di Lustrola, sorgono delle abetaie; nei restanti campi prevalgono noccioli, ciliegi ed estesi roveti. Vi si trovavano ben sei capanne (casoni o casette), utilizzate come ovili o come deposito per attrezzi; oggi, la maggior parte delle capanne è completamente in rovina.

Il Malpasso è un castagneto situato a nord-ovest di Lustrola, vicino ai campi di Chiusa, sulle pendici del Monte di Granaglione. Con il termine Malpasso (alto) si indica anche il punto ove, sopra i campi di Chiusa, si valica il crinale in cor-rispondenza della selletta tra il Monte di Granaglione e il Sasso della Corona.

Nella sezione Sentieri l'escursione a Chiusa e Malpasso Alto

Galleria fotografica di una gita ai Campi di Chiusa e al Malpasso Alto

Galleria fotografica di una gita al Malpasso

 


Home  |  Lustrola  |  Contrade  |  Dintorni  |  Ca' Nostra   |  Immagini
 © 2006 Associazione Lustrolese